Rialtofil

In bilico fra “Venezia salva” e “il gondoliere cinese”


“E quella riva lì, è bergamasca”? Pescatore: “Terra di San Marco”. Renzo: “Viva San Marco!” (“I promessi sposi”, capitolo XVII°)

DSC03364

Il dialogo del “rifugiato” Renzo Tramaglino che nel XVII° secolo (attraversando il fiume Adda) cerca asilo nella Serenissima, di cui Bergamo faceva parte, mi è ritornato in mente perché nel medesimo secolo è ambientata “Venezia salva”: l’opera incompiuta di Simone Weil, che la scrisse negli anni più bui dell’occupazione nazista e dalla quale è (liberamente) tratto l’omonimo film presentato ieri alla Mostra del Cinema di Venezia dalla regista Serena Nono.  Perché Simone Weil scelse proprio Venezia per ambientare quel messaggio di speranza, nel momento in cui una dittatura spietata voleva assoggettare l’Europa intera e omologarla all’insegna di un “nuovo ordine”?

Le due opere sono ambientate nello stesso periodo (la prima metà del ‘600); la seconda è una tragedia, la prima è un romanzo, ma entrambi gli autori scelgono la Serenissima come metafora per parlare ai loro contemporanei: gli italiani sotto il giogo austro-ungarico, nel caso del Manzoni; gli europei sotto il (ben più tragico) giogo nazista, nel caso di Simone Weil. “Qui però, vedi, la va più quietamente, e si fanno le cose con un po’ più di giudizio” (I promessi sposi, Capitolo XVII°): sono le parole con cui Bortolo Castagneri accoglie il cugino “rifugiato” a Bergamo.

Mi sono interrogato, sul perché di questa scelta letteraria, e la risposta non è univoca. Forse perché nel XVII° secolo questa era ancora una Repubblica indipendente, in un’epoca dominata dai grandi imperi e dalle dinastie ereditarie? Forse perché l’avevano fondata dei rifugiati in cerca della loro terra promessa, quando l’Italia era devastata dalle invasioni barbariche? Forse perché, unico Stato in Italia, non censurava né bruciava i libri “scomodi” e non ospitava tribunali della Santa Inquisizione? Tutte risposte valide ma parziali. Anche Genova aveva avuto la sua Repubblica (ormai ridotta a stato “vassallo” della Francia). Perché “Serenissima”, quando invece la repubblica di Genova era soprannominata “la Superba”?

La risposta non si trova (soltanto) nei libri di storia o nelle memorabili pagine di Cassiodoro, ma si “respira” ancora nelle calli della città (quando non sono troppo affollate): una città a misura d’uomo, dove il potente non aveva bisogno di rinchiudersi in un castello o in una fortezza, e dove tutti si sentivano partecipi di un progetto comune (che agli albori era anche un “sogno” visionario). Una città dove tuttora si gira a piedi e le persone si incontrano ancora in calle o in campo, umili o potenti che siano; una città dove i ragazzi e le ragazze vanno a scuola da soli (senza i rischi che correrebbero altrove), e dove gli adulti si salutano quando si incrociano, e spesso si prendono ancora il tempo di bere qualcosa insieme, senza bisogno di appuntamenti formali.

Le case dei nobili e quelle degli artigiani, nelle stesse calli. Ognuno di noi è unico e irripetibile, sembrano dirci le case veneziane: se ci guardate bene, anche le più modeste portano un segno distintivo (un battacchio, una finestra, un’ altana o una patera, o semplicemente il colore) che rende ogni casa diversa da quelle vicine. Pensate alla differenza rispetto ai canoni costruttivi di altre città, che ci omologano in edifici sempre più simili fra loro, ad ammonirci che per qualcuno siamo soltanto dei numeri! Questi dettagli esprimono una filosofia di vita: l’umanesimo di una città che al centro aveva posto l’essere umano. Polvere siamo e polvere ritorneremo? “D’accordo, ma guardate  di cosa siamo capaci” – sembrano volerci dire quei folli che sull’acqua costruirono e difesero una città unica al mondo.

La bellezza ci salverà dalle barbarie? Era il messaggio di Simone Weil, magistralmente rappresentato dal film di Serena Nono, che per interpretarlo ha fatto una scelta coraggiosa e temeraria. A recitare in questo film (coprodotto da RAI Cinema) non sono attori professionisti: con l’eccezione del bravo David Riondino, “il film ha come protagonisti gli ospiti della Casa dell’Ospitalità di Venezia” (persone senza fissa dimora, come dovevano esserlo i primi abitanti delle lagune):

http://www.veneziasalva.it/1/chi_siamo_520104.html

TaeCimarosti

Scelta coraggiosa, la sua (e scommessa riuscita!) agli antipodi del cinema “facile” che riempirà le sale nel periodo natalizio con i suoi prodotti “panettone”. Dal suo film, e dalle due opere già citate, vorrei partire per pormi una domanda: siamo ancora capaci, noi che abbiamo ricevuto “in prestito “questa città unica al mondo, di salvarla e salvaguardarla dall’appiattimento generale, che la vorrebbe assimilare alle altre realtà urbane? Ne siamo ancora degni e capaci, o ci stiamo silenziosamente avviando al destino metaforicamente descritto in questo libro?

Il libro ha due protagonisti: il il veneziano “DOC” Alvise Forcolin e il gondoliere cinese (Fosco Lin, nato a Cannaregio). Il secondo salverà il primo, ridotto in catene come un cane, in una dimora misteriosa e realmente esistente (ma inaccessibile al pubblico). Metafora aspra, certo, a tratti “sgradevole” come può esserlo un pugno nello stomaco o il suono del fischietto dell’arbitro quando estrae un cartellino giallo, e come tale va letta: un cartellino giallo con fischio di avvertimento, che andrebbe ascoltato prima di essere “espulsi” dalla città con un cartellino rosso chiamato sfratto (quello cantato dai Pitura Freska, per capirci, nella profetica “Venezia in affitto”). Per capire che di metafora (e satira) si tratta, ecco uno stralcio dell’immaginaria “lettera al Gazzettino” con cui si apre il libro:

DSC03363

Qualcuno dirà che è eccessiva, come metafora allegorica? Forse perché non è stato testimone dell’invasione che negli ultimi anni ha visto la città perdere abitanti (in proporzioni simili a quelle dell’epidemia di peste descritta nel libro del Manzoni) a favore della speculazione più becera che in ogni palazzo vuole un hotel o un bed and breakfast, e quando i palazzi non bastano riempie la Marittima (e il canale della Giudecca) con condomini galleggianti a 12 piani chiamati “navi da crociera”: quelli contro la cui presenza in laguna si sono scatenati anche “il ragazzo della via Gluck” alias Celentano e Fiorella Mannoia e Berengo Gardin e tanti altri artisti, attoniti e rattristati dal modo in cui la città viene sfruttata. Tempo fa avevo scritto (ispirandomi al libro di Gian Antonio Stella, e guardando la sagoma di certe maxi-navi che oscurano ogni cosa al loro passaggio): “Venezia non ha più una skyline, ma una schei-line” (schei = soldi, in veneziano). Le navi da crociera a qualcuno portano “schei”? Sarà, ma attenti a non fare la fine di Alvise Forcolin.

La settantesima Mostra del Cinema è l’ottimo film di Serena Nono, ed è anche questo:

2settembreExcelsior

Salviamola questa città, che non è soltanto nostra: in prestito l’abbiamo ricevuta, per consegnarla alle generazioni future. “Salvarla” significa salvaguardarne il tessuto urbano e sociale, perché adesso come nel 1940 rappresenta un baluardo simbolico che di fatto si oppone (in quanto irriducibile, grazie alla sua “forma urbis”) all’appiattimento generale che tutto vorrebbe omologare. Salvarla significa proteggerla dal rischio di incidenti come quello di Genova (Jolly nero, 7 maggio 2013) ma non significa soltanto proteggerne le pietre, magari ridotte ad un guscio vuoto, perché Venezia non è Pompei e non ha intenzione di diventarlo: amarla significa anche ripristinare il necessario equilibrio fra turismo e residenti, che è vitale quanto il delicato equilibrio fra terra e mare su cui si regge Venezia.

Rialtofil, 7 settembre 2013

Per chi fosse interessato alla ricostruzione (solo apparentemente romanzata) della vita di Venezia ai suoi albori, consiglio la lettura del cap. X de “L’ultima legione” di V. M. Manfredi, che in quella specifica pagina si ispira al documento storico di Aurelio Cassiodoro:

CASSIODORUS, Variarum libri XII, XII, 24

..documento sul quale intendo ritornare, in un prossimo articolo. Altri comunque l’hanno già commentato, e a titolo di esempio propongo questo:

http://www.veneziadoc.net/Storia-di-Venezia/Lettera_Cassiodoro.php

Credits:

“Addio monti sorgenti”, olio su tela di Luigi Bianchini (1861), Casa Manzoni;

Tae Cimarosti (per le foto dalla Mostra del Cinema);

Salviamovenezia.wordpress.com (per la foto della manifestazione del 2 settembre, all’Hotel Excelsior).

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: